ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo


Google
 

Il combustibile del futuro

di Silvia Sorvillo

La vera alternativa ecologica deriva dalla canna da zucchero e dalla soia. Lo studio di una cooperativa brasiliana mette in discussione il biodiesel americano

27 settembre 2000

San Paolo .Il 90% dei pestilenziali gas di scarico delle nostre città potrebbe essere messo K.O. da un nuovo tipo di combustibile. L'etanolo derivato per distillazione dalla canna da zucchero o dall'olio di soia potrebbe essere la risposta verde non solo allo smog ma anche al sempre più esagerato caro petrolio.

- Il nuovo tipo di biodiesel, compatibile con i vecchi motori a gasolio delle nostre auto, è sicuramente innocuo per l'ambiente, non produce tossine venefiche come l'attuale combustibile e permetterebbe di rilanciare il nostro pigro mercato brasiliano - ha detto Germano Ottmann, direttore di produzione della COAMO, una cooperativa brasiliana che produce biodiesel. Jose Carlos Laurindo, ingegnere dell' "Institute of Technology " del Paranà, conferma la validità del nuovo carburante ecologico, frutto di una lunga ricerca made in Brasile.

Il metanolo, presente nel biodiesel americano, non può garantire basso impatto ambientale

Ottmann, inoltre, mette in discussione l'utilizzo del biodiesel prodotto dagli Usa e dall'Europa. Secondo i brasiliani, infatti, il biodiesel americano conterrebbe metanolo derivato da petrolio, questo componente li porterebbe a dubitare fortemente dello scarso impatto ambientale del combustibile. - Passare al biodiesel non è certo una scelta economicamente vantaggiosa -aggiunge Ottmann- il prezzo del biodiesel, a parità di energia sviluppata, è sicuramente maggiore, ma visto l'attuale caro petrolio una scelta ecologica sarebbe sicuramente auspicabile. L'inquinamento ambientale subirebbe un serio contraccolpo, in molte città si tornerebbe a "respirare" e anche la crisi che sta investendo le industrie produttrici di soia brasiliane - a causa dell'imperversare americano del transgenico- potrebbe arrivare a vedere la fine. Un altro passo avanti nell'utilizzo di energie alternative.






l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi