ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo


Gli scienziati costruiscono il primo pesce-robot

di Silvia Sorvillo

Ha il cervello di un'anguilla e il corpo meccanico

Dal quotidiano Ultime Notizie Martedì 13 giugno 2000

CHICAGO. L'era dei cyborg è sempre più vicina. In due università statunitensi - quella di Chicago e quella dell'lllinois - in collaborazione con l'università italiana di Genova, gli scienziati hanno costruito un prototipo di pesce robot. Steve Grand, un esperto di vita artificiale, ha descritto l'esemplare ottenuto come un artefatto "mirabilmente perverso". L'automa è stato costruito collegando uno scheletro meccanico a poche cellule neuronali (che funzionano da cervello) e alla corda dorsale (che funziona da trasmittente) di una lampreda (un vertebrato marino che assomiglia ad un'anguilla).

Nel "corpo meccanico" sono alloggiati dei sensori che suggeriscono le informazioni al cervello. Essi riescono a cogliere stimoli provenienti da fonti di luce. Il cervello del pesce cyborg - costituito dalle poche cellule nervose prelevate dall'antica lampreda - elabora le informazioni e le traduce in attività di risposta trasmettendole al motore del robot. Il pesce robot può infatti seguire lo stimolo luminoso, evitarlo oppure "decidere" di mettersi a girare in tondo. I ricercatori ripongono in esso molte speranze. Vittorio Sanguineti, ricercatore italiano dell'università di Genova che ha preso parte al progetto, ha detto che il cyborg potrebbe rivelare i meccanismi con cui il cervello apprende e memorizza.






l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi