ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo


Google
 

La strada per dimagrire passa per i topi

di Silvia Sorvillo

Ricercatori del Joslin Diabetes Center di Boston hanno scoperto un gene che combatte l'obesità
La molecola regola l'accumulo di grassi nelle cellule dell'organismo

dal quotidiano Ultime Notizie . Venerdì 5 Febbraio 1999

BOSTON. Al Joslin Diabetes Center l'equipe del dottor Michael Ristow ha recentemente individuato un altro gene coinvolto nella predisposizione al sovrappeso.
Le cause che portano all'obesità continuano ad essere affascinante tema di studio per i ricercatori, le case farmaceutiche sono ben consapevoli del fatto che questa disfunzione oltre ad affliggere una percentuale altissima della popolazione mondiale, può essere fonte di lucrosi guadagni.

La scoperta risale ad ottobre. I ricercatori dell'istituto individuarono una nuova molecola, la PARR2-gamma, la cui funzione è quella di regolare l'accumulo dei grassi. Tale proteina se viene alterata per effetto di una mutazione trasmette la disfunzione in maniera ereditaria.
Non si tratta della prima scoperta genetica relativa all'obesità: già nel 1995 era stato trovato nel topo, e confermato poi anche nell'uomo, un gene, detto ob, che si esprime solo nel tessuto adiposo dove produce una molecola il cui compito è di avvertire il centro della fame e il centro della sazietà dell'ipotalamo (regione del nostro cervello) che siamo sazi.

Nel topolino obeso la proteina ob, e nell'uomo la proteina corrispondente leptina, una volta alterata non inviano più al cervello il mediatore che indica il senso di sazietà. Perciò l'organismo continua a mangiare più del necessario senza aumentare né l'attività fisica né il metabolismo basale (il minimo dispendio energetico che una cellula deve affrontare per restare "viva" come continuamente avviene, senza che ce ne rendiamo conto, quando il gene ob/leptina funziona). La ricerca cllnica continua quindi a prospettare terapie sempre più innovative ed efficaci, anche se talvolta, è il caso dello Xenical la pillola anti-obesità, se ne fa un uso improprio, confondendo i tarmaci con pillole mirabolanti.

COS'È L'ADIPE

Ma il grasso è necessario

Per la medicina si parla di obesità quando l'eccesso di peso è pari o superiore al 20% di quello che la statura comporterebbe (esempio: un uomo alto 170 cm non dovrebbe pesare più di 90 chili).
Essere in sovrappeso non è solo un problema estetico, tutti i nostri organi sono danneggiati dai chili in eccesso: cuore, ossa, fegato e reni sono i primi a risentirne.
Il tessuto adiposo, di cui sono forniti anche quelli di noi più magri, è comunque presente fin dalla nascita nel nostro organismo e in quello di molti altri mammiferi. Appena nati un pannicolo di adipe bruno localizzato nella zona retrocervicale ci protegge termicamente. L'adipe ha una sua funzione fisiologica ed è importante averlo: immagazzina energia sotto forma di grassi (lipidi) nell'adipocita (un tipo di cellula di forma tondeggiante che racchiude al suo interno) e quindi serve in caso di necessità a fornire energia al nostro corpo.






l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi