ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo


Google
 

L'Oms lancia l'allarme superbatteri

di Silvia Sorvillo

I microbi hanno sviluppato resistenza ai farmaci antibiotici più diffusi
"Potremmo ripiombare nell'era pre-antibiotica"

Prima Pubblicazione: quotidiano Ultime Notizie. mercoledì 14 giugno 2000

GINEVRA. L'Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato una nuova preoccupazione: la resistenza del batteri ai medicinali.
"Se non poniamo un freno all'uso sconsiderato di antibiotici, il mondo intero potrà stare tranquillo ancora per poco; dieci. al massimo vent'anni, poi le terapie attualmente efficaci, saranno messe ko dai microrganismi". E' stato chiaro David Heymann. responsabile del programma istituito dall'Oms per la prevenzione dei"superbatteri". I microbi viaggiano senza passaporto, non hanno confini che li ostacolino e, ormai, da una quarantina d'anni manifestano più o meno frequentemente, una spiccata capacità di tenere testa ai farmaci. Anche a quelli considerali imbattibili fino a qualche tempo fa.

Secondo i dati presentati dall'Oms, se il modello di resistenza batterlca non subirà cambiamenti, l'intero pianeta potrebbe ripiombare nell'era "pre-antibiotica". I fattori che determinano la resistenza dei batteri ai farmaci, sono diversi e sono stati più volte descritti dalla classe scientifica. L'abuso degli antibiotici nei Paesi ricchi, terapie sbagliate con dosaggi inadeguati dì antibiotici nei Paesi poveri, la sospetta diffusione di antibiotici contraffatti o scaduti, l'uso della farmacologia come fattore di crescita per il bestiame da allevamento, sono i responsabili diretti di un processo che avviene già normalmente in natura ma che si svilupperebbe a una velocità molto più contenuta.

L'Oms lancia quindi l'appello e invita tutti i medici del pianeta a non abusare più di queste sostanze. Secondo uno studio ufficiale. Infatti, viene prescritta una quantità doppia rispetto a quella effettivamente necessaria. Nell'appello, inoltre, i medici hanno esortato gli Stati sviluppati a fare uno sforzo in più per garantire ai Paesi più poveri cure complete. Ogni anno negli Stari Uniti muoiono 14.000 persone per le infezioni da "superbatten" contratte in ospedale; nell'Europa dell'est e in parte della Russia il 10 per cento delle tubercolosi mostra resistenza a due dei più potenti antibiotici. E fino ad una decina d'anni fa in India la febbre tifoide poteva essere curata con tre farmaci molto economici.oggi nessuno di questi tre funziona più.

archivio





l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi