ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo


Google
 

Cento: "Addio cioccolato vero"

di Silvia Sorvillo

La decisione è stata presa a Strasburgo dall'europarlamento
Al posto del burro di cacao si potrà utilizzare un insipido surrogato

Dal quotidiano Ultime Notizie. Giovedì 16 marzo 2000

ROMA. Il consiglio dei Quindici a Strasburgo ha ucciso il cioccolato. Ieri, su una delle più appetibili delizie del palato le grandi multinazionali dolciarie hanno inferto un colpo veramente pesante.

grassi vegetali in sostituzione del più salutare burro di cacao

Da oggi le varie industrie alimentari potranno aggiungere, fino al 5 per cento del peso finale, grassi vegetali in sostituzione del più salutare burro di cacao. Abbiamo chiesto un parere al deputato verde Paolo Cento.

Cambieranno, allora, sapore ed odore del cioccolato?

Certamente si. Il rapporto dei vari componenti cambia e quindi è inevitabile che ne vengano modificate anche le proprietà. Cacao, latte di cacao e zucchero sono gli ingredienti del cioccolato, se non c'è più il latte di cacao anche la qualità del prodotto sarà diversa.

Colpa delle multinazionali del cioccolato...

Il loro è stato un attacco fortissimo ai Paesi produttori più poveri, Africa e Sudamerica. La loro politica economica ha colpito al cuore l'economia locale di questi paesi, ma non solo, con questo decreto prevalgono le monoculture.

Ma quanto sono pericolosi questi grassi vegetali?

Uno dei grassi che sostituirà il burro di cacao è proprio l'olio di palma, un grasso sulle cui potenzialità cancerogene si è ormai certi. Questo è un attentato anche alla sicurezza alimentare.
E infatti a Strasburgo è passata anche l'eventuale autorizzazione all'uso di grassi derivati da organismi geneticamente modificati. Dietro tutto c'è, guarda caso, un notevole vantaggio economico da parte delle multinazionali che utilizzando questo tipo di grassi invece di impiegare i previsti 12 mesi, necessari per la lavorazione del latte di cacao, se la potranno cavare con le sole 6 settimane necessario per i grassi vegetali.

Grassi vegetali, perché no

I grassi, o lipidi, sono nutrienti indispensabili per l'organismo e forniscono acidi grassi essenziali, cioè elementi nutritivi che non siamo capaci di produrre da soli. Sono una forma di energia molto concentrata, un solo grammo produce 9 calorie circa, e grazie alla loro presenza il nostro intestino riesce ad assorbire molte vitamine, tutte quelle solubili nei grassi, la A, la D, la E e la K.

In base al numero di atomi di carbonio contenuti nella loro molecola, e al numero di atomi di idrogeno, l'altro elemento chimico che insieme all'ossigeno ne compongono la struttura, sono classificati e divisi in due grandi gruppi: i saturi e gli insaturi. I grassi saturi sono contenuti prevalentemente negli alimenti di origine animale, mentre gli insaturi sono per lo più di derivazione vegetale. A distinguerli è essenzialmente la presenza di un doppio legame tra gli atomi di carbonio.
Questo, infatti, conferisce ai grassi insaturi una forma a "virgoletta", mentre quelli saturi, che hanno solo legami semplici tra gli atomi di carbonio, possono essere rappresentati da "chiodini" lineari. L'eccesso di acidi grassi poliinsaturi, tra questi l'olio di palma, probabile sostituto del burro di cacao, ha chiaramente dimostrato di avere effetti co-carcinogeni, può provocare cioè un aumento di un certo tipo di neoplasie.

archivio





l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi