ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo

navigazione
vedi anche
consigli google
di Vittorio Sossi

distanze astronomiche

inserita il 30-08-2005

dal metro al parsec

In astronomia le unità di misura in uso sulla terra perdono significato date le enormi distanze che separano i corpi celesti. Se i chilometri sono ancora sufficienti per indicare le distanze che intercorrono fra terra e luna, o terra e i pianeti più prossimi, diventano drammaticamente inutili se ci allontaniamo nel sistema solare esterno o ancor peggio se ci avventuriamo fuori dal sistema solare nella nostra galassia o oltre.

Vengono così introdotte 3 unità di misura derivate che sono più adatte per descrivere le distanze immense che separano i corpi celesti.

La più piccola è l'Unità Astronomica. Rappresenta la distanza media che intercorre fra la terra e il sole. La terra inffatti non percorre un'orbita circolare ma ellittica e si media fra il punto in cui la terra è più lontana dalla stella, afelio, e quella in cui è più vicina, perielio.
U. A. (unità astronomica) = 149600000 Km

Per distanze maggiori si utilizza il ben noto anno luce (a.l.). Un anno luce rappresenta la distanza che la luce percorre nel vuoto in un anno di viaggio. Questa unità può essere utilizzata per descrivere la distanza che intercorre fra la terra e i lembi estermi del sistema solare fino ad arrivare alle stelle più vicine.
1 a.l. (anno luce) = 63255 U.A. = 9.463 x 1012 Km

Per le distanze più grandi si utilizza come unità di misura il secondo di parallasse. Con parallasse si indica lo spostamento apparente di un oggetto su uno sfondo fisso e lontanissimo quando viene guardato da due punti diversi. Ne possiamo avere un idea se guardiamo il nostro dito indice o una penna tenuta davanti a noi alternativamente con l'occhio destro e con il sinistro. Più la penna è lontana più è impercettibile lo spostamento più è vicina più sembra spostarsi alternando i punti di osservazione occhio destro e occhio sinistro.
Gli astronomi utilizzano come punti di osservazione i più distanti possibile: i due estremi dell'asse maggiore di rivoluzione terrestre. Tramite l'angolo di parallasse misurato, tramite la misura nota dell'asse attraverso un calcolo trigonometrico è possibile risalire alla distanza della stella. Un angolo di un secondo di grado è il Parsec:
1 Parsec = 3.26 a.l. = 206265 U.A. = 30.090 x 1012 Km

più in là di 1 centesimo di parsec (circa 300 anni luce) la differenza diventa impercettibile e le distanze si calcolano attraverso metodi indiretti

Nella tabella sono riportate, pur non essendo utilizzate come unità di misura, per stemperare il passaggio da Km a U.A, anche le lunghezze del raggio terrestre (raggio volumetrico medio), della circonferenza equatoriale terrestre e la distanza media fra terra e luna. Tanto per rendersi conto del significato delle distanze astronomiche.

convertitore di distanze astronomiche
Primo, inserisci il valore da convertire:

secondo, i prarametri per la conversione desiderata:
Da: metri
chilometri
raggi terrestri
circonferenze terrestri
distanza terra-luna
unità astronomiche
anni luce
parsec
a: metri
chilometri
raggi terrestri
circonferenze terrestri
distanza terra-luna
unità astronomiche
anni luce
parsec

NB: può comparire la lettera e seguita da una cifra ciò equivale a moltiplicare per 10 il numero tante volte quanto è la cifra o a dividerlo per 10 se il numero è negativo. Ad esempio:
2.6786e-19 equivale a 2.6786 / 1019
6.2414e18 equivale a 6.2414 x 1018

script originale fornito
da The JavaScript Source

adattato da Vittorio Sossi per Scienzità

l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi