ATTENZIONE!!! se visualizzi questo pagina senza formattazione alcuna con testo nero su fondo bianco e contenuti in sequenza --> menù di sinistra parte centrale menù di destra vuol dire che stai usando un browser che non supporta appieno i CSS!!! Si tratta delle versioni di explorer anteriore alla 5, netscape 4 e inferiori, opera 5 e altri che probabilmente non conosco. I contenuti del sito immagini e testi dovrebbero comunque essere perfettamente leggibili.

notizie scientifiche dal mondo


Google
 

Individuati otto corpi celesti sconosciuti

di Silvia Sorvillo

La scoperta si deve all'Osservatorio europeo di "La Silla" che si trova in Cile
A 140 anni luce di distanza aleggiano sul nostro pianeta anche due cosiddette "nane brune".

dal quotidiano Ultime Notizie . Mercoledì 14 maggio 2000

GINEVRA. Il laboratorio astronomico europeo di "La Silla", in Cile, ha annunciato la scoperta di altri otto corpi celesti che orbitano al di fuori del nostro sistema solare. Sale così a 43 il numero di entità astrali identificate al di fuori del sistema solare ma all'interno sempre della nostra Galassia.
Le misure e la scoperta sono state rese possibili grazie ad un sistema di rilevamento che studia la variazione della velocità dei corpi in funzione della forza gravitazionale. Il telescopio protagonista si chiama "Coralie". Grazie ai suoi rilevamenti i ricercatori hanno potuto definire dimensioni e distanza dei nuovi corpi galattici.

Tutti hanno grandi dimensioni, il più piccolo è grande all'incirca quanto Saturno e il più grande è quasi 15 volte Giove. Per "umanizzare" le dimensioni, Giove è grande 317 volte la Terra, mentre Saturno è "solo" 95 volte il nostro pianeta.
Due dei corpi celesti scoperti potrebbero essere non proprio pianeti ma "nane brune", cioè, "stelle mancate": corpi senza la massa necessaria per brillare come una stella. Il primo eso-pianeta (il primo pianeta al di fuori del sistema solare) è stato individuato nel 1995. Adesso l'indagine si è spinta lontano, fino a 140 anni luce dalla Terra.

archivio





l'angolo di Blackcat
Scienzità è stato realizzato da Silvia Sorvillo e Vittorio Sossi